Grotte di Mogao

grotta mogao
Le Grotte di Mogao sono delle grotte che si trovano lungo la Via della seta, vicino a Dunhuang (25 km a sud-est), nella provincia del Gansu, in Cina. Si tratta di un sistema di 492 templi scavati nella roccia, in una rupe lunga 1600 metri.
Queste grotte sono comunemente chiamate “le cave dei diecimila Buddha”.

  • Macao
  • macao
    Macao è un piccolo territorio costiero (meno di 30 km²) che si affaccia sul mar Cinese meridionale.
    Macao data la sua posizione è sempre stato un porto di interesse internazionale;infatti in questa città risiedono tanti occidentali,in primis una cospicua colonia di Portoghesi.
    Quindi nelle strade e nei quartieri storici si respira uno stile architettonico misto di cultura Cinese e Portoghese.
    Macao è un luogo chiave di incontro fra cultura,architettura e scienze occidentale con quella orientale.
    In questa città c’è tantissimo da vedere e le piazze sono le più antiche all’interno dei confini Cinesi.
    Durante la dinastia Ming il governo assegnò al Portogallo una parte della penisola di Macao perchè si stabilissero i Portoghesi per condurre i loro affari convenienti anche per la Cina,naque così una città internazionale.

  • Esercito terracotta cinese
  • esercito terracotta
    L’esercito di terracotta è una scoperta archeologica cinese. È formato da 6.000 a 8.000 guerrieri in terracotta (non lo si sa con certezza poiché gli scavi sono ancora in corso), vestiti con corazze in pietra e dotati di armi. Queste statue erano di “guardia” alla tomba del primo imperatore cinese Qin Shi Huang. Di queste statue sono state riportate alla luce solo 500 guerrieri, 18 carri in legno e 100 cavalli in terracotta. Tale sito archeologico si trova vicino a Xi’an,ai piedi del Lishan monte nella provincia Shaanxi della Cina.
    Le ricerche archeologiche portarono alla luce, nel corso degli anni a partire dal 1974, quando vennero scoperte casualmente da un contadino, fosse contenenti: uomini in terracotta armati, carri, cavalli, statue di servitori, mandarini, concubine e oggetti di vita quotidiana come vasi ed utensili. Le statue rappresentano una minima parte del complesso archeologico che occupa un’area di 56.000 metri quadrati.
    Secondo la testimonianza dello storico cinese Sima Qian, nato un secolo dopo la costruzione del mausoleo, tale costruzione fu un vero e proprio affare di stato, in cui lavorarono oltre 700.000 prigionieri nel corso di 10 anni di lavoro.
    La camera funeraria, non ancora portata totalmente alla luce, sarebbe così profonda da attraversare 3 livelli di falde acquifere, con pareti in bronzo e circondata da fiumi di cinabro, cioè solfuro di mercurio che, per la filosofia taoista, sarebbe un attivatore energetico per l’immortalità. L’immortalità era una fissazione dell’Imperatore, che aveva organizzato numerose spedizioni per terra e mare, alla ricerca del famoso elisir di lunga vita. Ma Qin Shi Huang Di è famoso anche per la costruzione della Grande Muraglia, una fortificazione lunga migliaia di chilometri.
    Quest’esercito rappresenta una replica fedele dall’armata che aveva contribuito ad unificare la Cina.
    Le statue colpiscono inoltre per il loro realismo e nei particolari: la tecnica usata per realizzarli consisteva nel compattare cerchi di argilla in modo da creare un tubo (il torace) e completate con l’aggiunta di gambe e braccia. La struttura poi, veniva ricoperta di blocchetti di argilla per creare le uniformi e successivamente decorata.

  • Il Buddha gigante di Leshan
  • Buddha gigante
    Il Buddha gigante di Leshan è la più grande statua di pietra di Buddha del mondo. Essa è scolpita nella roccia nel punto in cui confluiscono i fiumi Minjiang, Dadu e Qingyi, vicino alla città di Leshan, nella parte meridionale della provincia di Sichuan, in Cina. La scultura è posta di fronte al Monte Emei, con i fiumi che scorrono ai suoi piedi.
    La statua, alta 71 metri, rappresenta un Buddha Maitreya in posizione seduta, con le mani appoggiate sulle ginocchia. Le spalle sono larghe 28 metri e sull’unghia più piccola ci si potrebbe comodamente sedere una persona.
    La costruzione dell’opera iniziò nel 713, condotta da un monaco cinese di nome Haitong. Egli sperava che il Buddha avrebbe calmato le acque turbolente che affliggevano le navi mercantili che scendevano la corrente dei fiumi. Secondo quanto narra la leggenda, quando i fondi per la costruzione della statua stavano scarseggiando il monaco si cavò i suoi stessi occhi per provare la sua buona fede e sincerità. La statua venne completata dai suoi discepoli 90 anni dopo.

    Pagina successiva Pagina precedente
    Indice
    Cina Cina amministrativa Provincie contese
    Turismo Cina Unesco in Cina Monte Emei
    Huanglong Città di Pingyao Grotte di Longmen
    Monti Wudang Grotte di Mogao Muraglia Cinese
    Info documenti Sicurezza in Cina Cina:Leggi e regole
    Sanità Cina Gastronomia Cina Economia Cina
    Comunismo Cina Geografia fisica Utilità e curiosità
    Annunci

    Rispondi

    Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...